Progetto Schegge - Ufficio di Piano di Sesto Calende

prevenzione del disagio e promozione del protagonismo giovanile

loghi ANci e regione.jpg

Schegge rientra nel bando “Giovani SMART (SportMusicaARTe)” promosso da Regione Lombardia.

Il bando SMART sostiene la realizzazione di progetti mirati ad azioni di contrasto ai fenomeni del disagio giovanile attraverso la promozione e il supporto di percorsi di crescita, partecipazione e inclusione sociale, nonché opportunità di supporto psico-fisico ai giovani, mediante l’organizzazione di laboratori artistici e musicali e l’accesso, gratuito e libero, alle attività sportive sul territorio.

Contatti:

Coordinamento per le azioni de L'Aquilone: Dott.ssa Chiara Aggio

e-mail: chiara.aggio@laquilonescs.it oppure marketing@laquilonescs.it

Tel: 347.3110950

ENTE CAPOFILA:

Ufficio di Piano di Sesto Calende

PARTNER:

  • L'Aquilone Società Cooperativa Sociale

  • CFP Ticino Malpensa

  • IIS Carlo Alberto Dalla Chiesa di Sesto Calende

DI COSA SI TRATTA?

Schegge è un progetto che mira a far partecipare sempre più ragazzi ad attività aggregative (sportive musicali e artistiche), momenti esperienziali e percorsi formativi non formali, con una particolare attenzione all’inclusione dei NEET, giovani non attivi in percorsi educativi, formativi o lavorativi.. Prevede una combinazione di esperienze più strutturate e condotte (come laboratori esperienziali o momenti di didattica attiva per i NEET) alternate a momenti che favoriscono il tempo libero e l’aggregazione spontanea come pomeriggi o serate aggregative, esperienze culturali e sportive, gite di più giorni.

A CHI SI RIVOLGE?

Il progetto si rivolge a adolescenti (15-18 anni), giovani (18-30 anni) e adulti (genitori e membri della comunità educante)

COSA SUCCEDE?

  • laboratori sportivi, musicali e artistici GRATUITI con un percorso di progettazione e partecipazione attiva da parte dei ragazzi

  • attività culturali e/o sportive che si sviluppano nel territorio. Accanto alle uscite brevi (es. spettacoli teatrali, cinema, uscite in palestre attrezzate, musei, gite di un giorno…) sono previsti anche soggiorni di 2/3 giorni.

  • La scuolina: azione dedicata ai NEET, progettata alla mattina presso il CAG di Corgeno. Previsto anche un servizio di trasporto per facilitare la partecipazione dei ragazzi che risiedono nei comuni limitrofi. La scuolina offre un’occasione reale di apprendimento, diversa dai canonici percorsi scolastici e centrata su ciascun ragazzo; che sappia individuare e stimolare abilità e competenze. Si parte da un presupposto nuovo: al centro non c'è chi insegna ma chi apprende.

  • Percorsi professionalizzanti (a cura di CFP Ticino Malpnsa): proposti percorsi di modellazione e fabbricazione digitale. Previsti, inoltre, per la fascia giovanile (16-30) un percorso sul giornalismo e uno sulla comunicazione, curato da due professionisti di Adr Comunicazione, agenzia creativa che si occuperà anche della comunicazione del progetto.

  • Supporto pedagogico o psicologico da attivare per i singoli ragazzi nelle situazioni in cui se ne ravvisa la necessità. Prevediamo cicli da 5 incontri l’uno. Accanto a questi percorsi individualizzati saranno attivi 3 laboratori di arteterapia (uno al Dalla Chiesa, uno al CFP, uno al CAG di Corgeno) dedicati a ragazzi fragili che possono beneficiare di un percorso arteterapeutico in piccolo gruppo.

Schegge propone attività con orario ampio, prevedendo attività serali (momenti aggregativi condotti dagli operatori, sperimentazioni di autonomia per i grandi, eventi aperti alla comunità organizzati insieme ai ragazzi) pomeridiane e mattutine

ago.webp

Le attività proposte da SCHEGGE saranno in stretta connessione e collegamento con servizi di politiche giovanili già attivi sul territorio, quali Educativa di strada e CAG di Corgeno e con il progetto Sakido

Schegge diventa occasione per rimettere i ragazzi al centro della progettualità, investendo nel lavoro con la comunità educante, per mettere in circolo risorse che rimarranno disponibili anche alla conclusione del progetto e creando realtà che potranno continuare a abitare il territorio connettendosi con i progetti già esistenti.