Casa Caracol - Housing sociale temporaneo per giovani tra i 18 ed i 21 anni

Contatti

Coordinatrice:
Dott.ssa Wanda Ferraro
mail: wanda.ferraro@laquilonescs.it
tel: 392/9772070

Casa Caracol è un progetto di housing sociale finanziato nella sua fase iniziale da Fondazione Cariplo.
L'appartamento, sito in Piazza Mauceri 9 a Venegono Superiore, rappresenta una soluzione abitativa temporanea destinata a giovani che hanno raggiunto la maggiore età, ma che ancora necessitano  di un supporto adeguato per il raggiungimento dell'autonomia personale. Gli ospiti possono essere sia giovani che escono da percorsi di comunità residenziali, sia ragazzi che provengono da situazioni difficili e necessitano dello stesso tipo di intervento pur non avendo un passato residenziale comunitario.
Il valore sociale di questo progetto è accresciuto dal fatto che l'appartamento dove si realizza è un bene confiscato alla mafia ora nelle disponibilità  del Comune di Venegono Superiore (ERP-edilizia residenziale pubblica) ceduto a L'Aquilone in comodato d'uso gratuito.
L'appartamento prevede, per come è configurato, la possibilità di dare alloggio a due ospiti contemporaneamente per un periodo minimo di 12 mesi fino ad un massimo di 3 anni.
I caratteri di innovazione di questo servizio rispetto alla comunità di accoglienza riguardano innanzi tutto la presa in carico di giovani adulti (e non più minori) che hanno VOLONTARIAMENTE deciso di proseguire gli interventi di tutela nei loro confronti.
A loro viene quindi richiesta una partecipazione ATTIVA nella vita dell\'appartamento in quanto inseriti in un processo educativo significativo di sostegno alla crescita e all'autonomia personale che li porterà a gestire la loro vita da cittadini autonomi nella comunità.
L'amministrazione comunale di provenienza del giovane corrisponde con una retta mensile, ma nel momento in cui il ragazzo verrà inserito in azioni concrete quali borse lavoro, tirocini, stage retribuiti o un vero e proprio lavoro, a lui verrà chiesto di contribuire alla quota con una parte del reddito percepito.

caracol4.jpeg

L’accompagnamento educativo

Una volta accolti gli ospiti, vengono avviate le azioni di accompagnamento educativo che si concentrano nelle diverse aree rispetto a cui si vuole sostenere e incrementare l’autonomia dei giovani.

 

Aree prioritarie:

  • Area del Lavoro: accompagnamento presso i centri per l’impiego o altri servizi, ricerca di borse lavoro e tirocini – lavoro in collaborazione con gli operatori dei servizi per il lavoro del territorio 

  • Area dell’Abitare: richiesta per assegnazione case ALER; ricerca altre abitazioni economicamente sostenibili.

     

Aree da sviluppare a seconda delle situazioni specifiche:

  • Area delle attività quotidiane: accompagnamento nella manutenzione e pulizia della casa e dei luoghi comuni della palazzina, cucina, spesa, lavaggio vestiti

  • Area delle competenze: affiancamento nella gestione dei soldi e di conti in banca, bollette e pagamenti; sostegno nell’acquisizione della patente; ricerca di percorsi formativi.

  • Area della cura di sé e degli stili di vita sani e sostenibili nel tempo: pianificazione orari sani e adeguati con gli impegni da mantenere, accompagnamento nella cura di sé e della propria salute, nella scelta di una alimentazione adeguata.

  • Area della gestione della responsabilità: sostegno nel prendere consapevolezza delle proprie azioni e delle conseguenze di queste ultime.

  • Area delle relazioni sociali -relazioni professionali, amicali e familiari- :accompagnamento nella ricerca di esperienze nuove e di passioni da coltivare, favorendo le relazioni extra lavorative sul territorio; gestione delle relazioni con la famiglia di origine.

  • Area della resilienza: sostegno della capacità di affrontare e superare ostacoli.

Obiettivi

  • Garantire un percorso di accompagnamento alla residenzialità autonoma.

  • Orientamento al lavoro ed avviamento allo stesso attraverso borse lavoro, tirocini, stage.

  • Avviamento a corsi di formazione.

  • Inclusione sociale al fine di prevenire e/o ridurre la marginalizzazione.

  • Individuazione di una soluzione abitativa alternativa stabile.

Metodologia

Per ogni presa in carico viene elaborato e condiviso un progetto individuale.

I Pozzellini si sposano...

con quota cento!

E il loro atto d'amore si trasforma

in un gesto di solidarietà.

Chiara&Ivano per Caracoles