Casa Caracol 2- Housing sociale temporaneo rivolto a nuclei familiari in emergenza abitativa.

contatti:

Coordinatrice: Dott.ssa Wanda Ferraro

Tel. 392. 9772070

mail. wanda.ferraro@laquilonescs.it

Inaugura Casa Caracol 2, una soluzione per i nuclei familiari in emergenza abitativa.

Lunedì 17 dicembre alle ore 12, a Venegono Superiore, in piazza Mauceri 7, la cooperativa L’Aquilone inaugura Casa Caracol 2: appartamento che accoglierà persone e/o nuclei familiari che si trovano in una situazione di momentanea fragilità, destinatari di un progetto di housing sociale temporaneo: una serie di interventi che mirano a creare le condizioni abitative e lavorative che li portino ritrovare l’autonomia, potenziando le proprie risorse.

L’esperienza di Casa Caracol nasce nel 2014, grazie a un finanziamento di fondazione Cariplo che ha permesso di avviare un primo appartamento - bene confiscato alla mafia - e intestato al Comune di Venegono Superiore, pensato per avviare all’autonomia giovani tra i 18 e i 21 anni.

Negli anni L’Aquilone ha individuato l’esigenza di intervenire anche a favore delle famiglie coinvolte in uno sfratto, arrivando a elaborare un progetto per un secondo appartamento a loro dedicato.

La realizzazione di quest’ultimo si è resa possibile grazie ad un ulteriore finanziamento di Fondazione Cariplo ed alla donazione dell’Opera San Francesco per i Poveri, la quale ha avuto modo di vedere il fruttuoso lavoro realizzato nella palazzina, all’intero della quale l’Opera possiede un appartamento.

Le attività educative proposte dalla Cooperativa hanno coinvolto l’intero condominio nella cura degli spazi comuni, influendo positivamente anche sugli altri inquilini.

Negli ultimi mesi L’Aquilone ha realizzato i lavori di ristrutturazione e arredo di Casa Caracol 2, lavori durante i quali ci si è concentrati sul rendere lo spazio il più accogliente possibile.  Per il reperimento degli arredi e degli accessori necessari, la Cooperativa ha potuto contare su un’ampia rete di sostenitori, i quali hanno consentito di recuperare gratuitamente parte del materiale. Inoltre, dei giovani artigiani locali si sono attivati fornendo a Casa Caracol 2 il proprio lavoro.

Un grosso sforzo è stato fatto per rendere l’organizzazione degli spazi interni il più flessibile possibile, in modo che l’appartamento si possa adattare ad accogliere differenti tipologie di nuclei familiari con soluzioni modificabili in base alle diverse esigenze. 

Posati i rulli per dipingere, i cacciaviti per montare, le scope per ripulire... Casa Caracol 2 è finalmente pronta!

Inauguriamo!!!

Chiude il bando Cariplo, ma Casa Caracol va a mille! dalla newsletter Agosto 2019

 

In questi mesi l'equipe di Casa Caracol è stata impegnata a correre verso il gran finale del bando Cariplo,quello che ci ha permesso di inaugurare il "nostro" appartamento. Questa momento intenso ha coinciso congli ultimi mesi lavorativi di Andrea Martinelli, che diventerà falegname, ma continuerà ad essere presentecome "tutto fare" di Casa Caracol.

Carichi di energia, grazie anche all'aiuto dei condomini, sono stati fatti molti lavori sugli spazi comuni:ritinteggiatura della terrazza e delle ringhiere, cura del verde, cambio delle luci esterne e preparazione delcortile per la grande festa di pochigiorni fa. Grazie al finanziamento Cariplo, abbiamo potuto allestire unpiccolo stanzino di libero accesso ai condomini con attrezzi per la manutenzione e, in cortile, un barbeque dicondominio inaugurato proprio la sera della festa. La cena in cortile è stato un momento davvero divertentee conviviale, con griglia, musica, danze e trucco collettivo... anche per i grandi! Ma tutto questo fermento non si arresta! Ad agosto/inizio settembre gli appartamenti di Casa Caracol saranno entrambi abitati, tutti alfemminile: due mamme con bambini e due ragazze neo maggiorenni.Inoltre, già ad agosto, riparte una nuova equipe a tempo pieno e con un sacco di formazioni ancora possibiligrazie al bando: la clinica transculturale, la valutazione dei progetti con metodie una parte di supervisionelegale con l'avvocato Dell'Oro.

 

Mi piace in questa occasione avere l’opportunità di ringraziare tutte le persone che hanno donato arredi,tempo ed energia a questo progetto, ma soprattutto un immenso grazie va ad Anto e Andrea,meravigliosicompagni di avventura, senza i quali niente di tutto questo sarebbe stato possibile.

Wanda, coordinatrice del progetto

Un servizio di Housing durante l'emergenza sanitaria: la distanza che trasforma.

(…)”Il metro di distanza ha trasformato non solo le relazioni, ma anche gli spazi: la cucina di Casa Caracol è diventata piccola piccola. Per questo siamo andati più volte in terrazza (...) È divertente chiacchierare e giocare tra le lenzuola, le magliette, le calze e le mutande stese dagli altri condomini”. (…)

In questi ultimi due mesi e mezzo niente è stato semplice, nonostante lo si sia raccontato con l’entusiasmo, la voglia e la grinta che sempre ci contraddistinguono. C’è però qualcosa che è stato ancor più difficile. Oggi vi proponiamo il racconto di Antonella per Casa Caracol, il nostro servizio di Housing Sociale, il vissuto di un’educatrice che non è rimasta #fuoridaglischermi, ma che certamente è una persona #fuoridaglischemi.

Per leggere l’intero racconto, clicca qui

...e l'Anto l'aveva promesso:"Quando si potrà, tireremo fuori l’ombrellone e un tavolo più grande per pranzare insieme..."

E come promesso è accaduto, a Casa Caracol si festeggia la fine del Ramadan! #fase2

L'Aquilone Società
Cooperativa Sociale
via Vittorio Veneto 13/B 
21018 Sesto Calende (VA)
P. IVA: 02150100127

  • Facebook Social Icon